Blog

Viticoltura, i record di Krasnodar

Viticoltura, i record di Krasnodar

In aumento rispetto all'anno scorso di 1300 ettari, la superficie vitata della regione caucasica continua la sua crescita
settembre 7, 2017

Gli ultimi 400 ettari sono stati piantumati in primavera ed entro la fine dell’anno la superficie complessiva di nuovi vigneti salirà a quota 1300 ettari. Stiamo parlando della regione di Krasnodar, la cui superficie vitata è pronta a superare i 25mila ettari, sui 90mila ettari totali della Federazione Russa.

Oggi nella regione caucasica vi sono 65 grandi aziende specializzate e 147 aziende agricole impegnate nella coltivazione della vite. Nel complesso vengono prodotte 27 distinte varietà di uva da tavola e 70 cultivar destinate alla vinificazione.

Secondo quanto afferma l’ufficio stampa del ministero regionale dell’Agricoltura e dell’Industria di trasformazione, Alyona Baskakova, la regione di Kuban (ovvero Krasnodar) produce oggi 14,3 milioni di decalitri di vino naturale, ottenendo il primo posto in Russia tra le regioni che producono questa tipologia di vino. Per quanto riguarda la produzione di vino spumante, la regione detiene invece il secondo posto con 3,5 milioni di decalitri, preceduta solo dalla regione di Leningrado. I vini di Krasnodar vengono attualmente esportati anche in Cina, Svezia, Kazakistan, Lettonia, Kirghizistan, Bielorussia e Israele. Nel 2016 il volume totale delle esportazioni dalla regione ammontava a oltre 2,1 milioni di litri.

L’anno scorso è stato inoltre l’anno della vendemmia record: il 46% del volume totale dell’uva made in Russia è stato raccolto proprio nella regione caucasica di Krasnodar.

Cecilia Valentini