Blog

Sebastopoli ovvero il 10% del mercato russo del vino

Sebastopoli ovvero il 10% del mercato russo del vino

7 miliardi di rubli e due nuove cantine. Gli investitori scommettono in Crimea
marzo 7, 2018

Un Investitore (la cui identità non è stata resa nota) ha investito a Sebastopoli 7 miliardi di rubli per costruire 2 nuove cantine. L’investitore è un “privato” e potrebbe risultare un italiano. Lo ha annunciato il direttore del dipartimento dell’agricoltura, Dmitry Chumakov.

Gli investimenti in viti-vinicoltura sono considerati strategici e godono di una sistema di sovvenzionamento che copre fino al 90% dell’investimento in 365 giorni.

Sebastopoli punta alla totale sostituzione delle importazioni nel segmento del massa di vino. La progettazione delle due nuove cantine è la società “Riserva Invest” e i lavori si concluderanno entro il 2020. L’investitore “anonimo” prevede di mettere a coltivazione 1.000 ettari di nuovi vigneti.

Chumakov ha annunciato anche la nascita del marchio che identifica la produzione: si chiamerà “Terroir Sebastopoli” e coinvolge i maggiori produttori di vino di qualità locali. Attualmente le aziende che producono nel segmento premium sono 15 e la strategia di sviluppo di Sebastopoli (il piano fino al 2030 è approvato e in vigore) prevede il raddoppio della superficie vitata vigneti (da 4,3 mila ettari a 10 mila ettari) per soddisfare la domanda del 10% del mercato russo.