Blog

Russia, possibile slittamento della legge sul sistema informativo per i produttori di alcolici

Russia, possibile slittamento della legge sul sistema informativo per i produttori di alcolici

Dopo la forte opposizione delle associazioni del settore vitivinicolo, l'Egais potrebbe scivolare a giugno 2016
dicembre 11, 2015

L’entrata in vigore della nuova normativa della Federazione Russa sul commercio all’ingrosso e al dettaglio (“Egais“), precedentemente prevista per il 1 gennaio 2016, potrebbe slittare di sei mesi.

Le associazioni del settore vitivinicolo russo avevano ripetutamente dichiarato la propria contrarietà all’introduzione dell’Egais, vale a dire il sistema unico informativo di contabilità previsto per tutti i produttori agricoli (organizzazioni, singoli imprenditori, allevatori) che riforniscono il mercato vinicolo russo. Le associazioni di categoria avevano ventilato la possibilità di interruzioni delle forniture e di aumenti sui prezzi sugli alcolici, qualora la normativa fosse entrata in vigore. Secondo i rappresentanti della comunità imprenditoriale, il mercato non sarebbe ancora pronto a recepire la nuova normativa.

È stato dunque lo stesso ministero dello Sviluppo Economico a comunicare che si sta valutando il rinvio dell’entrata in vigore della nuova legge che porterà all’integrazione del sistema informativo automatizzato in Russia, allo scopo di controllare la produzione e la vendita di bevande alcoliche all’ingrosso e al dettaglio.