Blog

Russia, cognac e champagne sotto controllo

Russia, cognac e champagne sotto controllo

Disposte dal vice primo ministro le ispezioni a sorpresa ai produttori e rivenditori di cognac e champagne
novembre 6, 2017

Secondo Rosalkolregulirovanie (RAR) nel mercato c’è il 60% di cognac contraffatto. Su 99 campioni di cognac, infatti, 49 contengono alcol non originato dall’uva. Per questo il vice primo ministro, Alexander Khloponin ha commissionato una revisione massiccia di tutti i 49 produttori di cognac per controllare la qualità. Allo stesso tempo saranno controllati anche i prodotti già in vendita.

La situazione con lo champagne, invece, è diversa. Tante volte sotto la parola “champagne” viene venduto vino spumante ad un prezzo inferiore. L’associazione dei produttori di vini spumanti ha spiegato che la produzione di vini “gassati” ha un costo inferiore rispetto a quello dello champagne. Un terzo dei marchi di quest’ultimo, infatti, viene prodotto utilizzando le tecnologie di gassificazione artificiale.

Lo scopo delle ispezioni a sorpresa è quello di migliorare la qualità dei prodotti. I risultati saranno presentati a febbraio. (M.K.)