Blog

L’Armenia corre ai ripari: nasce il Gosfond Wine

L’Armenia corre ai ripari: nasce il Gosfond Wine

Il Paese punta al potenziamento della rete commerciale verso l’estero
giugno 27, 2016

Il governo armeno ha deciso di istituire il fondo statale della viticoltura e della vinificazione: il Gosfond Wine. Lo ha stabilito il Consiglio dei ministri, riunito oggi, dotando la nuova struttura di 103,5 milioni di dram. Tale cifra, che corrisponde al cambio attuale a poco più di 216mila dollari, dovrà essere spesa interamente nel corso del 2016 e sarà destinata esclusivamente al potenziamento della rete commerciale verso l’estero. Il Consiglio dei Ministri, infatti, ha preso atto che
l’ “Associazione dei produttori di vino non è stata in grado di sviluppare una politica comune per lo sviluppo delle esportazioni”.

Secondo il servizio doganale della Repubblica dell’Armenia le esportazioni di vino sono diminuite del 31,5% nel 2015, passando da 2.120 milioni di litri a 1.451 milioni di litri. Allo stesso tempo, il valore in dogana del vino esportato è stato di 4,1 milioni nel 2015 invece dei 6,3 milioni di dollari espressi nel 2014.

Circa il 79% del vino armeno esportato finisce nel mercato russo. La fornitura di vini armeni in Russia è stata pari a 1.150 milioni di litri nel 2015 (per un contro-valore di 2,9 milioni di dollari) contro i 1.713 milioni di litri (4,4 milioni di dollari) nell’anno precedente.

In generale, nel corso del 2015 la produzione di vino del Paese è diminuito del 4%, arrestandosi a quota  5.931 milioni di litri.