Blog

La Crimea esporta in Bielorussia

La Crimea esporta in Bielorussia

Per la prima volta la cantina Massandra ha esportato il proprio vino
giugno 23, 2016

La cantina della Crimea Massandra ha esportato il primo lotto di vino in Bielorussia. “I prodotti sono stati certificati, e proprio ieri hanno trovato posto negli scaffali di Brest”, si legge nel comunicato diffuso dall’azienda. In futuro la cantina prevede di esportare il vino nel Sud-Est asiatico, così come nelle autoproclamate Repubbliche Popolari di Donetsk e Lugank, nel Donbass.

“Per Massandra è un evento significativo, perché per vari motivi sono diventate abbastanza difficili le esportazioni. Tuttavia oggi possiamo affermare con fiducia che è stato dato il via, è una conquista di tutta la squadra. Nei nostri piani c’è la volontà di conquistare i mercati degli alti Paesi“, ha dichiarato il direttore generale dell’impresa, Yanina Pavlenko.

Massandra è una cantina composta da 8 aziende vinicole, con un totale di 11mila ettari di terreno, di cui circa 4mila sono vigneti. La collezione di vini è composta da un milione di bottiglie ed è elencata nel libro del guinness dei primati. È una delle più grandi imprese dei Paesi della Csi per la coltivazione della vite e la produzione di vini pregiati.

Occorre ricordare che contro la Crimea sono in vigore le sanzioni Ue, che vietano l’importazione di qualsiasi prodotto proveniente dalla penisola.