Blog

Kuban-Vino, pioniere del vino russo all’estero

Kuban-Vino, pioniere del vino russo all’estero

Strategia aggressiva della Cantina che dal 2003 fa parte dell’Azienda “Ariant”. Entro il 2020, Kuban-Vino prevede di produrre 22 milioni di bottiglie in un unico complesso che coniuga enologia e turismo
dicembre 20, 2017

“Kuban Vino” è una delle più grandi imprese di vini fermi e frizzanti in Russia con due siti produttivi in Temryuk e Starotitarovskaya. Il direttore generale, Victoria Emelyanovich è impegnata nella realizzazione dell’impianto e del centro enologico di Vinogradnoye, nel distretto di Anapa.

La prima pietra di questo complesso è stata avviata il 16 novembre, ma i lavori finiranno soltanto nel 2020. La messa in funzione di tutto l’impianto permetterà di aumentare la produzione fino a 22 milioni di bottiglie. Al’interno del complesso ci sarà una cantina a botte per lo stoccaggio e l’invecchiamento dei vini d’élite; un’area per l’invecchiamento dello champagne e un negozio di vini selezionati di tutte le aziende del gruppo “Ariant”.

Investimento complessivo: quattro miliardi di rubli. L’area vitata è attualmente di 7750 ettari ma entro il 2018 se ne aggiungeranno altri 2597 ettari.

Kuban Vino oggi esporta in Germania, Cina, Giappone e Canada. Dal prossimo anno sarà presente in Kazakistan e in India, per poi puntare al Vietnam e agli Stati Uniti.