Blog

Export vino italiano, la Russia a +26% per import spumanti

Export vino italiano, la Russia a +26% per import spumanti

Il mercato della Federazione con la più alta crescita. Due punti in più della Svezia e 3 più della Francia
febbraio 18, 2019

Mentre escono le prime indiscrezioni sull’export di vino francese 2018 (in crescita stimata del 2.5-3% per un valore di 9.3 miliardi di euro) ISTAT ha rilasciato i dati aggiornati a novembre per l’Italia, incamminata verso una chiusura positiva del 2018 oltre il +4%, con incremento del 12-13% dei vini spumanti a fronte di un livello stabile per i vini in bottiglia. Ad aiutare le vendite di vino italiano (ma anche quello francese) ci sarà nella prima parte dell’anno il cambio fortemente rivalutato del dollaro. Ma la crescita nazionale dei primi 11 mesi dell’anno 2018 contro lo stesso periodo 2017 riserva una sorpresa non preventivata: il mercato più dinamico per gli spumanti italiani è quello russo, cresciuto del 26%, più di quello svedese (+24%) e francese (+23%).

Il dato sugli 11 mesi vede un totale export di 5.7 miliardi di euro, +4.3%.

Il mese di dicembre sarà relativamente “facile” e per questo motivo è probabile che il dato finale del 2018 si avvicini più al 4.5% che non al 4%.

I tre principali mercati italiani (USA, Germania e Regno Unito) restano in linea con il dato globale e crescono tra il 3% e il 4% mentre il Giappone si conferma tra i mercati più deboli insieme alla Danimarca, che calerà del 4% circa a fine anno.