Blog

Enoturismo, nasce il programma “Iter Vitis-Russia”

Enoturismo, nasce il programma “Iter Vitis-Russia”

L’Unione dei viticoltori e dei produttori di vino nella Federazione Russa ha aderito agli itinerari culturali certificati dal Consiglio europeo
novembre 27, 2017

L’Iter Vitis Russia diventa realtà. La cerimonia della firma di un memorandum sulla istituzione del nuovo programma si è svolta presso il 6mo Forum culturale internazionale di San Pietroburgo, durante una riunione congiunta del Consiglio di coordinamento per la cultura e il turismo con il patrocinio del Ministero della Cultura della Russia.

Il memorandum firmato è la base per costruire una cooperazione bilaterale nella promozione del patrimonio culturale delle regioni vinicole russe, creando una vasta rete di itinerari culturali enogastronomici, promuovendo il patrimonio socio-culturale di coltivazione delle vite nelle regioni meridionali della Russia e sviluppando i progetti del turismo enologico.

La parte russa, il documento è stato firmato dal presidente dell’Unione dei viticoltori e dei produttori di vino, Leonid Popovich, dal Consiglio europeo – dal direttore del programma Iter Vitis, Emannuela Panke.

L’enoturismo è uno dei più attraenti tipi di turismo sviluppato in tutto il mondo. Del 2009 la produzione di vino è ufficialmente riconosciuta dal Consiglio europeo come una delle direzioni più importanti per lo sviluppo degli itinerari culturali europei.

L’Iter Vitis è un modello unico che collega agriturismo e diversità culturale di tutta Europa, stabilendo una sorta di uguaglianza universale, una “fratellanza di vini”, promuovendo il dialogo interculturale e la diplomazia culturale.

I principali obbiettivi di Iter Vitis-Russia saranno: la promozione e lo sviluppo della vinificazione e del settore turistico, organizzazione di attività di ricerca relative al turismo e alla viticoltura, aumentare il mercato di lavoro, la protezione dei territori di vino e delle tradizioni associati alla viticoltura e alla loro conservazione come il patrimonio comune delle regioni della Russia.

Il Vice ministro della Cultura della Federazione Russa, Alexander Malinow, ha espresso fiducia che la Russia prenderà il suo posto sulle mappe di strade del vino in Europa e nel mondo. (M.K.)