Blog

Crimea, la promozione del turismo passa attraverso il vino

Crimea, la promozione del turismo passa attraverso il vino

La promozione del turismo gastronomico attraverso un festival dei vini novelli potrebbe aumentare il flusso di turisti del 25%
ottobre 19, 2017

 

Secondo Ivan Kaverzin, responsabile del consiglio di esperti di Russian Event Award, è necessario utilizzare le attività ricreative e il turismo gastronomico per promuovere il turismo nella penisola della Crimea. In questo caso, il turismo gastronomico crimeano riceve una grande spinta dal festival dei vini novelli “#November Fest” che si terrà in Crimea dal 4 al 6 novembre nel complesso sanatoriale Yalta Mriya Resort & Spa.

Secondo Vadym Volchenko, il capo del ministero del turismo della Crimea, in occasione del festival 15 cantine locali apriranno le loro porte agli ospiti.

Kaverzin ha sottolineato che, con questo approccio, il flusso turistico nella penisola potrebbe aumentare del 25%.

Secondo l’enologo crimeano, Pavel Shvets, i territori di Koktebel, Sevastopol, Sudak e Feodosia sono ideali per lo sviluppo del turismo del vino. Nei vigneti si coltivano tante varietà d’uva e la Crimea è il luogo di nascita del marchio Vitis Vinidera, molto conosciuto in Europa e utilizzato da tanti viticoltori europei per la produzione di vino di alta qualità.

Shvets sottolinea che le cantine sul territorio della penisola sono in continuo sviluppo. A Sebastopol, ad esempio, verrà creato un vero e proprio cluster turistico del vino grazie all’aumento del numero di cantine.

Durante la stagione estiva la penisola è visitata da circa 5 milioni di turisti e questa cifra potrebbe aumentare a 7 milioni. (M.K.)